Opere d’arte mobili


Autore, titolo articolo, numero rivista, anno, pagina

– G. Sammati, Una nuova opera di Gaspar Hovic,1, 1969, 39-41.

– N. Pice, Il ciborio e l’epigrafe dell’architrave (Per la ricostruzione del ciborio nella Cattedrale di Bitonto),4, 1971, 3-8.

– M. Di Gioia, La scuola romanica foggiana,4, 1971, 9-11.

– A. Castellano, Interessante scultura dell’età romanica,4, 1971, 12-13.

– A. Castellano, Nuove firme della bottega bitontina,4, 1971, 19-25.

– A. Castellano, (Catalogo delle opere d’arte mobili) Ex convento dei frati minori dei Cappuccini – Chiesa di San Matteo,4, 1971, 45-48.

– A. Castellano, (Catalogo delle opere d’arte mobili) Chiesa ex conventuale del Carmine,5, 1971, 31-39.

– P. Belli D’Elia, La lastra di Pollice scultore ed altri fatti bitontini e non,6, 1971, 7-28.

– A. Castellano, Documenti biografici del pittore Carlo Rosa,6, 1971, 37-46.

– T. Berloco, A. Castellano, Note sull’attività del pittore Alonso de Corduba di Bitonto, 6, 1971, 47-50.

– A. Gambacorta, Pittori napoletani a Bitonto nel secolo XVIII,6, 1971, 51-55.

– R. Jurlaro, Per un primo esame della scultura medioevale pugliese,7, 1972, 22-27.

– P. Belli D’Elia, Icone di Bitonto alla mostra dei dipinti restaurati,7, 1972, 28-33.

– A. Castellano, Per una revisione critica dell’arte di Carlo Rosa,7, 1972, 34-44.

– A. Castellano, Gli affreschi della Chinisa,7, 1972, 56-61.

– A. Castellano, (Catalogo delle opere d’arte mobili) Chiesa di S. Teresa,7, 1972, 62-70.

– C. Farese Sperken, Francesco Spinelli fra tradizione e modernità,8, 1972, 31-59.

– S. Milillo, «Relazione» sull’immagine di S. Francesco d’Assisi (ex Convento dei Cappuccini),8, 1972, 93-95.

– A. Castellano, (Catalogo delle opere d’arte mobili), La badia di S. Leone Magno, 8, 1972, 96-100.

– P. Belli D’Elia, Le sculture romaniche nella chiesa di S. Silvestro, 9,1973, 3-10.

– A. Castellano, Neobizantini a Bitonto,9,1973, 16-27.

– G. Lucatuorto, Le opere del chierico Gliri in Bari,9,1973, 28-29.

– A. Castellano, (Catalogo delle opere d’arte mobili) S. Maria alla Porta, 9, 1973, 48-50.

– A.Castellano, Strutture e personalità dell’arte a Bitonto, 11,1973, 30-49.

– A. Castellano, (Catalogo delle opere d’arte mobili) Cappella S. Maria della Pietà-Oratorio di San Rocco – Cappella S. Anna di Rogadeo (Sedile dei Nobili),11, 1973, 90-93.

– A. Castellano, Francesco Corduba, pittore e incisore,12, 1974, 34-48.

– A. Castellano, Civiltà del Rinascimento in Puglia: Nuzzo Barba,16-17, 1975, 22-43.

– S. Milillo, Documenti inediti per la storia dell’arte in Puglia,16-17, 1975, 44-62.

– A. Castellano, Catalogo delle opere del pittore G. Spinelli esposte a Bitonto nella mostra celebrativa,20, 1976, 21-23.

– A. Castellano, Documenti inediti per la storia dell’arte in Puglia,21-22, 1977, 36-52.

– A. Castellano, Il romanzo di Alessandro nel romanico pugliese ed alcune inedite sculture rinvenute a Bitonto,24-26, 1978, 44-58.

– A. Spinosa, Due aspetti del naturalismo a Napoli: Ribera e Fanzago,30-31, 1980, 149-165.

– F. Sardella, Su Francesco Guarino a Solofra,30-31, 1980, 166-180.

– M. D’Elia, Per la pittura del ‘600 in Puglia. Considerazioni su Carlo Rosa,30-31, 1980, 181-191.

– S. Milillo, Note per la biografia di V. Giordano, N. Gliro, F. A. Altobello, C. Rosa ed altri,30-31, 1980, 192-199.

– A. Castellano, I dipinti di Carlo Rosa nella collezione del duca d’Ascoli,30-31, 1980, 200-204.

– L. Mongiello, Carlo Rosa: analisi e rapporti della sua opera pittorica ed architettonica,30-31, 1980, 227-279.

– D.P. Ferrara, Paolo de Majo a Bitonto,32-33, 1981, 32-36.

– A. Castellano, Civiltà del Rinascimento in Puglia, Matteo Lombardo (architetto) e Ludovico Fiorentino (scultore),37-39, 1983, 52-61.

– A. Castellano, Di due esperti di casa Spada: Giovanni Maria da Bitonto e Francesco Borromini,40-41,1984, 57-69.

– N. Lavermicocca, La pittura medievale bitontina tra Bisanzio e Occidente,42-43, 1985, 16-29.

– A. Castellano, I semibusti acefali della Cattedrale di Bitonto, 42-43, 1985, 30-35.

– F. Moretti, Frammenti di storia e arte federiciana,42-43, 1985, 36-48.

– C. Gattagrisi, L’iscrizione sul capitello del ciborio della cattedrale di Bitonto,47-48, 1989, 199-212.

– A. d’Itollo, L’iscrizione sull’architrave del ciborio della cattedrale di Bitonto,47-48, 1989, 213-226.

– M. Pasquale, Ipotesi iconografica ed iconologica su alcune mensole del castello di Trani,47-48, 1989, 227-242.

– G. Boraccesi, Nuove opere di Nicola Gliri a Rutigliano (Ba), 49-50, 1990, 91-98.

– A. Castellano, Restauri di decorazione parietale (Chiese del Crocifisso e di San Vito Martire), 55-56, 1993, 103-106.

– A. Castellano, Pittori bitontini del ’700, 59-60, 1996, 101-110.

– A. Speranza, Omaggio a Gaetano Spinelli, 62, 1997, 97-99.

– E. Cazzolla, La chiarezza artistica di un pittore «gentile»: Emanuele Lavacca, 62, 1997, 99-102.

– N. Pice, Raffaele Catucci, un pittore istintivo e immediato, 62, 1997, 103-106.

– R. Castellano, Due incunaboli di Antonio da Bitonto: un’analisi bibliologica, 63, 1997, 71-78.

– A. Castellano, Nuovi episodi di pittura rinascimentale a Bitonto: gli affreschi di Santa Maria del Carmine, 63, 1997, 99-102.

– G. Ricchiuto, Piccola storia di una grande opera, 63, 1997, 103-106.

– A. Castellano, Il medagliere di Cornelio Musso, Vescovo di Bitonto (1544-1574), 67, 1999, 89-92.

– C. Minenna, La predella lignea dei Santi protettori di Bitonto, 69, 2000, 111-113.

– G. Ricchiuto, Il crocifisso di S. Caterina d’Alessandria V. e M. Bitonto, dipinto su tavola 70, 2000, 67-72.

– P. Consiglio, O. Maglio, Petrus de Simone e l’organo ritrovato nella chiesa di Santa Croce in Bisceglie, 70, 2000, 59-66.

– M. Pasculli Ferrara, Ancora su Silvestro Buono: una tavola per la chiesa di San Domenico a Bitonto, 72, 2001, 57-65.

– O. Maglio, M. Sciddurlo, L’organo Petrus de Simone nella chiesa di S. Antonio in Mola di Bari, 72, 2001, 67-72.

– A. Castellano, Notarelle d’arte, 75, 2003, 99-106.R. Berardi, La tempera dell’arte e le pagine dei Diari, ovvero il pennello e la penna di Francesco Speranza, 75, 2003, 107-116.

– A. Castellano, Note sulla pittura dell’Ottocento a Bitonto, 76, 2003, 381-386.

– S. Milillo, Arredo, corredo e beni di un vescovo del Seicento: Francesco Antonio Gallo, Barone di Austrimont, 77, 2004, 93-110.

– S. Milillo, La tavola di San Francesco a Bitonto tra storia antica e storia recente, 78, 2004, 111-114.

– C. Cipriani, La fortuna di Marco Pino da Siena attraverso le Natività di Ruvo e di Bitonto, 83-84, 2007, 65-79.

– C. Cipriani, La pittura di Francesco Speranza dal realismo magico alla figurazione naive, 87, 2009, 11-28.
– T. Tullo, Francesco Speranza: la pittura come poesia etica, 87, 2009, 77-80.
– L. Lofano, La collezione Acquaviva d’Aragona nel Castello di Conversano. Nuove opere rintracciate e alcune ipotesi, 88, 2009, 95-99.

Indietro



Torna indietro