Sezione dedicata a curiosità e note storiche su personaggi, luoghi, monumenti e tanto altro. Centro Ricerche di Storia e Arte – Bitonto
Novecento
Centro Ricerche

SI È CONCLUSO IL CONVEGNO “BITONTO E LA PUGLIA NELLA PRIMA METÀ DEL NOVECENTO”

Il Convegno Nazionale di Studi “Bitonto e la Puglia nella Prima Metà del Novecento” si è concluso ieri con una retrospettiva sul cinema muto in Puglia e con la proiezione del film “Idillio Infranto” di Nello Mauri (1931). Film che è tra i pochi girati in Puglia di cui è rimasta traccia ed è tra le ultime pellicole senza sonoro realizzate in Italia. L’iniziativa, promossa dal Centro Ricerche di Storia e Arte – Bitonto, ha offerto un’opportunità unica per esplorare la storia e l’identità della Puglia nel contesto della prima parte del XX secolo, contribuendo così alla valorizzazione del patrimonio storico e artistico della regione. È stato l’ottavo convegno che il sodalizio, sin dalla sua fondazione, nel 1968, ha organizzato. Cinque giornate dedicate alla ricerca in ambito storico e artistica che hanno coinvolto esperti da tutta Italia nell’analisi di vari ambiti di ricerca storica e artistica. Tra i tanti, lo storico Piero Bevilacqua e la storica dell’arte Elena Pontiggia. Diversi i temi affrontati dal 2 al 10 maggio: la storia e i suoi protagonisti, il territorio e i suoi cambiamenti, le rivoluzioni in ambito politico, artistico, urbanistico, la moda, la musica, il teatro e tanto altro ancora. Tutti i contenuti trattati durante il convegno saranno ulteriormente approfonditi negli atti del convegno, a disposizione di chi ha partecipato con interesse e curiosità, ma anche di coloro che non hanno potuto assistere ai vari momenti. Nel frattempo, alcuni dei momenti salienti, dell’evento saranno condivisi sulle nostre piattaforme. «È stata una possibilità di esplorazione di quelli che sono stati anni particolari, quelli del primo Novecento, gravidi di conseguenze positive e negative, attraverso i contributi di tanti studiosi e ricercatori» sottolinea Marino Pagano, presidente del Centro Ricerche di Storia e Arte – Bitonto: «Ci sarà ancora da lavorare. Pubblicheremo gli atti perché è giusto che momenti come quello ormai concluso non si esauriscano, ma che siano produttivi e che favoriscano ulteriori ricerche». «È stato un convegno decisamente ambizioso che ha rivisto la città nel primo Novecento sotto molteplici aspetti: territorio, urbanistica, sport, politica e tanto altro. Un convegno che abbiamo voluto fortemente, insieme al Centro Ricerche, che noi reputiamo un compagno di viaggio. Un convegno necessario per capire dove vogliamo andare perché, se non pensiamo a quel che è stata la nostra storia, a quelle che sono le nostre tradizioni, non possiamo pensare al nostro futuro» aggiunge Francesco Paolo Ricci, sindaco di Bitonto. Il convegno è patrocinato da Regione Puglia, Città Metropolitana di Bari, Comune di Bitonto, Fondazione Banco di Napoli, Direzione Regionale Musei Puglia, Galleria Nazionale della Puglia “G. e R. Devanna”, Università degli Studi di Bari, Politecnico di Bari, Ordine dei Giornalisti di Puglia, Ordine degli Architetti, Conservatorio di Musica “Niccolò Piccinni” – Bari, Società di Storia Patria per la Puglia, Istituto Pugliese per la storia dell’Antifascismo e dell’Italia Contemporanea, Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano – Comitato Provinciale di Bari. Diversi i privati che hanno contribuito alla realizzazione dell’evento: Gruppo Intini, Impresa Toscano, Agridè, Conserva Trasporti e Tecnologie, BCC Santeramo in Colle, Abbatantuono Arcangelo Costruzioni e restauri srl, Gaetano Brattoli.

Leggi l'articolo »
Novecento
Centro Ricerche

SI CHIUDE OGGI IL CONVEGNO “BITONTO E LA PUGLIA NELLA PRIMA METÀ DEL NOVECENTO”

Si chiude oggi il Convegno nazionale di studi “Bitonto e la Puglia nella prima metà del Novecento”, organizzato dal Centro Ricerche di Storia e Arte, per analizzare, insieme a rinomati esperti da tutta Italia, i più disparati ambiti di ricerca, tra storia, arte, architettura, letteratura, musica, cinema e moda. Dopo aver analizzato le trasformazioni nei campi della politica e del territorio, dopo aver raccontato la prima parte del secolo dal punto di vista musicale e artistico, il convegno ripartirà con un focus più specifico sulle trasformazioni in campo artistico. Nella quinta giornata, sul tema “Pietra e luce” si racconterà il rinnovamento edilizio e il fervore che hanno interessato il primo ‘900 per la costruzione di nuove identità, tra tutte quella di Bari, terza capitale del sud. La “Luce” è quella dei riflettori dei teatri con le compagnie di musica e prosa, e della mondanità legata all’alta moda francese nelle collezioni pugliesi, ma soprattutto dei proiettori dei cinema, i nuovi “teatri dei poveri” con l’arrivo dei primi film muti e dei set cinematografici. Si inizia alle 9, nella Galleria Nazionale della Puglia “G. e R. Devanna”. Presiede il professor Giuseppe Fallacara, Politecnico di Bari. Seguiranno gli interventi di Dino Borri (Politecnico di Bari) su “La problematica identità di una nuova città-capitale nella Puglia centrale: Bari tra XIX e XX secolo”; Fabio Magone (Università di Napoli Federico II) su “L’invenzione del ‘romanico pugliese’ nel primo Novecento”; Nicola Parisi, Federica Fiorio, Immacolata Fasano (Politecnico di Bari) su “La prima metà del Novecento a Bitonto: architettura e città”; Annalinda Neglia (Politecnico di Bari) su “Identità e caratteri delle ville comunali pugliesi: la villa comunale di Bitonto”; Claudia Calabria (direzione regionale Musei Puglia) su “La pietra artificiale nell’architettura del primo Novecento barese: tra innovazione costruttiva e tradizione decorativa”; Matteo Ieva (Politecnico di Bari) su “La modernità mediterranea dei lungomari monumentali di Bari”. La sessione pomeridiana partirà alle 15 e sarà presieduta dal professor Giuseppe Poli (Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano – Comitato Provinciale di Bari), con gli interventi di Giuliano De Felice, Sergio Chiaffarata Iannelli, Maria Nunzia Labarbuta (Università di Bari) su “Nel paesaggio degli estremi. Un atlante storico-archeologico dei conflitti del Novecento in Puglia”; Rosanna Perillo (Istituto Tecnico Economico Statale “Vitale Giordano”) su “Un luogo della città e per la città: le compagnie in musica e prosa al Teatro Umberto”; Paola Nitti (Accademia di Belle Arti di Bari) su “Il fascino e la magia. L’alta moda francese attraverso le collezioni di abiti storici pugliesi nel secolo della moda”. Relazioni poster a cura degli architetti Nicola Cosimo Aluisio, Alba Laura Dell’Olio su “Gli Istituti scolastici del ventennio fascista. La scuola ‘Nicola Fornelli’ di Bitonto”; Giulia Chiarelli, Francesca Fariello, Angela Laurora, Katia Lupis, Alessia Maria Massarelli, Marika Palummieri (Politecnico di Bari) su “La caserma Bergia di Cesare Bazzani: architettura moderna a Bari”. La settima arte chiuderà gli interventi, con il professor Domenico Saracino (Liceo Artistico Audiovisivo-Multimediale ‘G. Galilei’) su “Il cinema muto in Puglia: tra film dal vero e film a soggetto”. A seguire, la proiezione del film muto “Idillio infranto” di Nello Mauri (1931) tra le poche pellicole girate in Puglia di cui è rimasta traccia e tra gli ultimi film senza sonoro realizzati in Italia. Chiuderà il convegno il professor Poli: «Il Centro Ricerche di Storia e Arte Bitonto è una delle poche associazioni che ha organizzato sistematicamente queste iniziative che sono utili per approfondire una storia locale che non va denigrata e ridotta al rango di esaltazione campanilistica. La storia locale è utile per incrementare le conoscenze sulla storia generale. Convegni come questo servono a tenere sempre acceso quel desiderio di conoscere quel passato che ci è utile per camminare avanti. La storia è il nostro specchietto retrovisore». Per ulteriori informazioni, www.centroricerchebitonto.com/convegno900/index.html. Il convegno è patrocinato da Regione Puglia, Città Metropolitana di Bari, Comune di Bitonto, Fondazione Banco di Napoli, Direzione Regionale Musei Puglia, Galleria Nazionale della Puglia “G. e R. Devanna”, Università degli Studi di Bari, Politecnico di Bari, Ordine dei Giornalisti di Puglia, Ordine degli Architetti, Conservatorio di Musica “Niccolò Piccinni” – Bari, Società di Storia Patria per la Puglia, Istituto Pugliese per la storia dell’Antifascismo e dell’Italia Contemporanea, Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano – Comitato Provinciale di Bari.

Leggi l'articolo »
Novecento
Centro Ricerche

RIPARTE IL CONVEGNO “BITONTO E LA PUGLIA NELLA PRIMA METÀ DEL NOVECENTO”

Riparte giovedì 9 maggio il Convegno nazionale di studi “Bitonto e la Puglia nella prima metà del Novecento”, organizzato dal Centro Ricerche di Storia e Arte, per analizzare, insieme a rinomati esperti da tutta Italia, i più disparati ambiti di ricerca, tra storia, arte, architettura, letteratura, musica, cinema e moda. Dopo aver analizzato le trasformazioni nei campi della politica e del territorio, dopo aver raccontato la prima parte del secolo dal punto di vista musicale, il convegno ripartirà con un focus più specifico sulle trasformazioni in campo artistico. Nella quarta giornata, sul tema “Grazia e colore” si racconterà l’immagine pubblica della donna nelle arti, delle scuole di disegno, preziosi luoghi di formazione di artisti e artigiani. Si analizzeranno la grazia e il colore degli esponenti dell’arte barese come Nicola Colonna, fautore del rinnovamento della zona Umbertina di Bari, illustri del liberty barese e pugliese come i fratelli Prayer, e bitontini di respiro nazionale come Francesco Speranza e Gaetano Spinelli. Si inizia alle 9, nella Galleria Nazionale della Puglia “G. e R. Devanna”. Aprirà questa seconda parte del convegno la professoressa Elena Pontiggia, critica e storica dell’arte, con un focus sui pittori pugliesi Francesco Speranza ed Emilio Notte. Presiederà Cecilia Minenna (direzione regionale Musei Puglia). Seguiranno gli interventi di Stefano Causa (Università Suor Orsola Benincasa – Napoli) su “Ai bordi della rosa: l’immaginario femminile nella pittura pugliese tra Ottocento e Novecento”; Mimma Pasculli Ferrara (Università di Bari) su “Gli affreschi di Nicola Colonna e Saverio Raimondi nella Chiesa di San Giorgio a Bitonto”; Francesco Paolo Del Re, giornalista, su “La via luminosa. Francesco Speranza pittore: lettere scritti e documenti dal 1920 e 1940”; Isabella Di Liddo (Università di Bari) su “La scuola di disegno a Bari”; Nuccia Barbone Pugliese (Direzione regionale Musei Puglia) su “I disegni del ‘900 pugliese in collezioni pubbliche e private”. La sessione pomeridiana partirà alle 15 e sarà presieduta dalla professoressa Mimma Pasculli Ferrara (Università di Bari). Previsti gli interventi di Ruggiero Doronzo (Università di Bari) su “I dipinti di Gaetano Spinelli a Bitonto”; Carmelo Cipriani (Istituto d’istruzione secondaria superiore “Marco Polo” di Bari) su “Temi e fonti iconografiche nella Commedia umana di Geremia Re”; Liliana Tangorra (Istituto Professionale Santarella – De Lilla) su “Tutto il mondo del palcoscenico nelle caricature di Umberto Onorato”; Emilio Mastropasqua e Irene Malcangi (Università di Bari, Centro Ricerche di Storia Religiosa in Puglia) su “I fratelli Prayer in Puglia: dagli schizzi ai cicli pittorici nelle chiese”; Nicola Cleopazzo (Università del Salento) su “Antonio Maccagnini e i suoi eredi nel primo trentennio del Novecento. La Crocefissione e il Cristo morto nei riti della Settimana Santa“; Cecilia Minenna (direzione regionale Musei Puglia) su “L’Opera di Frate Menotti, dalle caricature ai figurini per Pasquale La Rotella”. Ci sarà anche l’intervento, previsto inizialmente il 2 maggio, del professor Federico Pirro (Università di Bari) su “L’industria in Terra di Bari tra fine ‘800 e la prima metà del ‘900”. Il convegno “Bitonto e la Puglia nella prima metà del Novecento” si concluderà nella stessa sede venerdì 10 maggio con l’ultima sessione, dal titolo “Pietra e Luce”, che analizzerà prevalentemente architettura, moda, teatro e cinema. Per ulteriori informazioni, consultare il programma e registrarsi, visitare il sito web www.centroricerchebitonto.com/convegno900/index.html. «Quello in corso è l’ottavo convegno che il Centro Ricerche ha organizzato sin dalla sua fondazione, nel 1968 – sottolinea il professor Stefano Milillo, tra i fondatori del sodalizio -. A cominciare dall’età tardo romana, siamo arrivati alla prima metà del ‘900. Un periodo che sembrava ristretto, ma che invece è fonte di numerosi spunti di riflessione sia per i temi affrontati in questi giorni, sia per eventuali analisi che, da questo convegno, partiranno». Il convegno è patrocinato da Regione Puglia, Città Metropolitana di Bari, Comune di Bitonto, Fondazione Banco di Napoli, Direzione Regionale Musei Puglia, Galleria Nazionale della Puglia “G. e R. Devanna”, Università degli Studi di Bari, Politecnico di Bari, Ordine dei Giornalisti di Puglia, Ordine degli Architetti, Conservatorio di Musica “Niccolò Piccinni” – Bari, Società di Storia Patria per la Puglia, Istituto Pugliese per la storia dell’Antifascismo e dell’Italia Contemporanea, Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano – Comitato Provinciale di Bari.

Leggi l'articolo »
xx secolo
Centro Ricerche

AL TEATRO TRAETTA IL CONCERTO “SULLE NOTE DEL XX SECOLO”

Nell’attesa della ripartenza del convegno nazionale di studi “Bitonto e la Puglia nella prima metà del Novecento”, spazio alla musica, con il concerto “Sulle note del XX secolo”. Il 4 maggio nel Teatro Comunale “Tommaso Traetta” di Bitonto, alle 19, l’Orchestra Sinfonica di Fiati “Davide Delle Cese”, diretta dal maestro Vito Vittorio Desantis, renderà omaggio ai grandi musicisti a cui la nostra terra ha dato i natali. Saranno eseguite, tra le altre, musiche di Biagio, Ernesto e Gennaro Abbate, Pasquale La Rotella, Francesco Paolo De Renzio. Non solo. Nel corso della serata, nel Teatro Traetta, risuoneranno anche le note di grandi musicisti italiani come Francesco Cilea e Giacomo Puccini. L’ingresso è libero. Interverranno Carmela Minenna, vicepresidente del Centro Ricerche di Storia e Arte – Bitonto, ente organizzatore del convegno; il maestro Domenico Zizzi (Conservatorio di musica “T. Schipa” di Lecce) e Maria Grazia Melucci (Conservatorio di musica “Niccolò Piccinni” di Bari). «Nel corso dei secoli, il nostro territorio ha dato i natali a musicisti e compositori che hanno ricoperto un grandissimo ruolo a livello nazionale ed internazionale – spiega De Santis -. Personaggi che, nel tempo, sono divenuti autentiche celebrità che si sono a buon diritto ritagliati un posto autorevole all’interno della Storia della Musica sebbene, in alcuni casi, siano stati oggetto di un immeritato oblio. La città di Bitonto tra la fine dell’800 e gli inizi del ‘900 risulta a tutti gli effetti, attraverso la Società Filarmonica e la Banda Municipale, una vera e propria fucina di talenti». Il convegno “Bitonto e la Puglia nella prima metà del Novecento” proseguirà il 9, per poi concludersi il 10 maggio. Per ulteriori informazioni, consultare il programma e registrarsi, visitare il sito web www.centroricerchebitonto.com/convegno900/index.html. Il convegno è patrocinato da Regione Puglia, Città Metropolitana di Bari, Comune di Bitonto, Fondazione Banco di Napoli, Direzione Regionale Musei Puglia, Galleria Nazionale della Puglia “G. e R. Devanna”, Università degli Studi di Bari, Politecnico di Bari, Ordine dei Giornalisti di Puglia, Ordine degli Architetti, Conservatorio di Musica “Niccolò Piccinni” – Bari, Società di Storia Patria per la Puglia, Istituto Pugliese per la storia dell’Antifascismo e dell’Italia Contemporanea, Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano – Comitato Provinciale di Bari.

Leggi l'articolo »
Novecento
Centro Ricerche

PERSONALITÀ E LUOGHI NEL SECONDO APPUNTAMENTO DEL CONVEGNO “BITONTO E LA PUGLIA NELLA PRIMA METÀ DEL NOVECENTO”

  Continua, il 3 maggio, il Convegno nazionale di studi “Bitonto e la Puglia nella prima metà del Novecento”, organizzato dal Centro Ricerche di Storia e Arte, per analizzare, insieme a rinomati esperti da tutta Italia, i più disparati ambiti di ricerca, tra storia, arte, architettura, letteratura, musica, cinema e moda. La seconda delle cinque giornate si terrà nel Teatro Traetta e avrà come tema “Personalità e luoghi”. Si parlerà delle persone che hanno segnato la vita politica, sociale e culturale del Mezzogiorno costruendo l’identità dei luoghi: da Giovanni Modugno a Giuseppe Caiati, Tito Spinelli, Gaetano Salvemini. Tra le personalità si approfondirà l’inedita figura di Francesco Campione, bitontino, fondatore dell’Università di Bari, dei principali letterati bitontini e pugliesi. A partire dalle 9, la sessione mattutina, coordinata da Valentino Losito, consigliere nazionale dell’Ordine dei Giornalisti, ente partner del convegno. Seguiranno Francesco Paolo de Ceglia (Università di Bari) su “Francesco Campione e la dignità delle donne. La scienza della ginecologia e la ricerca come professione”; Nicola Pice (Fondazione De Palo-Ungaro) su “Un grecista, un latinista e un laureando del primo Novecento a Bitonto”; Marino Pagano (Centro Ricerche di Storia e Arte – Bitonto) su “La storiografia come esercizio della passione civile: Gaetano Salvemini e Giuseppe Caiati indagatori del tempo storico”; Stefano Milillo (Archivio Storico Diocesano Bari-Bitonto) su “La stampa periodica in Terra di Bari”; Vittoria Bosna (Università di Bari) su “I primi passi di una autonomia economica delle donne: il caso dell’orfanotrofio “Maria Cristina di Savoia” di Bitonto”; Custode Silvio Fioriello (Università di Bari) su “La ricerca archeologica: temi e contesti”. Parte alle 15 la sessione pomeridiana, coordinata dal giornalista Mimmo Larovere, direttore del magazine ‘Primo Piano‘, che prevede gli interventi di Giovanni Capurso, storico, su “Giovanni Modugno e gli intellettuali bitontini attraverso lettere e documenti inediti”; Mario Sicolo, giornalista e direttore del ‘Da Bitonto‘, su “Da Bitonto a Buenos Aires (e ritorno), per amore del calcio: l’ing. Miguel Angel Ventafridda”; Dario Dell’Osa e Andrea Zappulli (Università di Bari, Fondazione Il Cartastorie) su “Il ruolo dell’Istituto Banco di Napoli nell’economia pugliese tra fine Ottocento e prima metà del Novecento”; Vito Santoro (quotidiano ‘La Repubblica – Bari’) su “Ricciotto Canudo e Sabastiano Arturo Luciani: dalla Puglia i primi grandi teorici del cinema”; Maria Grazia Melucci (Conservatorio di musica ‘N. Piccinni’ di Bari) su “Giovanni Capaldi e Pasquale La Rotella, fra memoria e attualità: sul contributo alla cultura del Mezzogiorno”; Vito Vittorio de Santis (Liceo musicale “Archita” di Taranto) su “La musica come esperienza formativa e culturale: l’esperienza di Vincenzo Bellezza”; Luigi Lauta (Istituto Comprensivo “C. Sylos”) su “Pasquale Panisco compositore, arrangiatore e didatta. Le bande musicali bitontine tra Ottocento e primo Novecento”. «La storia non è custodire le ceneri, ma tenere acceso il fuoco. Questo convegno accende una luce sulla prima metà del ‘900 e racconta il faticoso cammino per la costruzione, pietra su pietra, della nostra unità nazionale, a partire dal Mezzogiorno» spiega Valentino Losito, motivando il patrocinio che l’Ordine dei Giornalisti ha concesso all’evento: «Noi giornalisti siamo gli storici dell’istante, come disse Albert Camus e lo ribadì Umberto Eco. Fotografiamo l’istante. Abbiamo l’umile compito di scrivere la prima bozza della storia sui giornali. Bozza che sarà materiale per gli storici. Siamo piccoli artigiani della storia». Il convegno proseguirà, sempre nel Teatro Traetta, il 4 maggio con il concerto “Sulle note del XX secolo”, per poi riprendere il 9 e 10 maggio, nella Galleria Nazionale della Puglia “G. e R. Devanna”. Per ulteriori informazioni, consultare il programma e registrarsi, visitare il sito web www.centroricerchebitonto.com/convegno900/index.html. Il convegno è patrocinato da Regione Puglia, Città Metropolitana di Bari, Comune di Bitonto, Fondazione Banco di Napoli, Direzione Regionale Musei Puglia, Galleria Nazionale della Puglia “G. e R. Devanna”, Università degli Studi di Bari, Politecnico di Bari, Ordine dei Giornalisti di Puglia, Ordine degli Architetti, Conservatorio di Musica “Niccolò Piccinni” – Bari, Società di Storia Patria per la Puglia, Istituto Pugliese per la storia dell’Antifascismo e dell’Italia Contemporanea, Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano – Comitato Provinciale di Bari.

Leggi l'articolo »
Novecento
Centro Ricerche

AL VIA IL CONVEGNO NAZIONALE DI STUDI “BITONTO E LA PUGLIA NELLA PRIMA METÀ DEL NOVECENTO”

Parte giovedì 2 maggio il Convegno nazionale di studi “Bitonto e la Puglia nella prima metà del Novecento”, organizzato dal Centro Ricerche di Storia e Arte. Interverranno, per l’occasione, rinomati esperti da tutta Italia, per analizzare i più disparati ambiti di ricerca, tra storia, arte, architettura, letteratura, musica, cinema e moda. Nella Sala degli Specchi di Palazzo Gentile, la prima delle cinque giornate, che avrà come tema “Territorio e politica”. Si porrà l’accento sull’analisi del territorio pugliese, con le importanti modifiche geologiche e le profonde trasformazioni e innovazioni tecnico-colturali. Si indagheranno i movimenti politici, con approfondimenti sul ventennio fascista e sulle ideologie che hanno modificato il quotidiano, lambendo il contesto scolastico e sportivo. Ad aprire il convegno, i saluti istituzionali, seguiti dall’introduzione dello storico Piero Bevilacqua, con uno sguardo sul Novecento, un “secolo lungo”, al contrario di quanto scrisse Eric Hobsbawm. A partire dalle 9, la sessione mattutina, coordinata da Piero Ricci, presidente dell’Ordine dei Giornalisti di Puglia, ente partner del convegno. Seguiranno Mario Parise (Università di Bari) su “Modifiche del paesaggio naturale sulle Murge e gli effetti sul dissesto geo-idrologico”; Salvatore Camposeo (Università di Bari) su “I paesaggi agrari della Puglia”; Sandra Lucente (Università di Bari) su “La dimensione fluida e la dimensione di rete prima e dopo l’acquedotto”; Federico Pirro (Università di Bari) su “L’industria in Terra di Bari tra fine Ottocento e la prima metà del Novecento”; Antonio Monte (CNR Istituto di Scienza del Patrimonio Culturale) su “Gli stabilimenti e le aziende produttive di macchine olearie: Bitonto e il contesto pugliese, lucano e abruzzese dal 1875 al 1950”. Alle 15 parte la sessione pomeridiana, coordinata dal professor Vincenzo Robles, che prevede gli interventi di Francesco Sportelli (Università della Basilicata) su “La territorializzazione ecclesiastica della Puglia. Processi storici di istituzione, scomposizione e ricomposizione della regione”; Michele Laddaga (già Università di Urbino) su “I movimenti politici in Terra di Bari”; Valentino Romano, storico, su “L’analisi della questione meridionale nel pensiero degli intellettuali pugliesi”; Vito Antonio Leuzzi e Anna Gervasio (IPSAIC Istituto Pugliese per la Storia dell’Antifascismo e dell’Italia Contemporanea) su “Le origini del fascismo nella Terra di Bari”; Carmela Minenna (Liceo Statale Classico e delle Scienze Umane “Cagnazzi”) su “Il tempo inquieto del popolo. Tumulti, proteste e agitazioni a Bitonto”; Domenico Francesco Antonio Elia (Università di Bari) su “L’inchiesta dell’Istituto Nazionale per l’incremento dell’Educazione Fisica (1907-1912) in Puglia”. Le relazioni poster saranno di Gianpaolo Altamura (Università di Bari) su “I poeti e i letterati in Terra di Bari tra le due guerre mondiali” e del giornalista Michele Cotugno su “Bitonto all’alba dei partiti di massa”. «Il focus sulla prima metà del Novecento servirà a ricostruire un periodo che ha segnato profondamente la nostra società» spiega Pasquale Corsi, presidente della Società di Storia Patria, tra gli enti che hanno patrocinato il convegno: «Iniziative come queste sono fondamentali per recuperare le radici della nostra identità. Non sono solamente uno sguardo rivolto al passato, perché la storia non è un culto delle ceneri. La conoscenza degli eventi favorisce lo sviluppo di nuove prospettive». Il convegno proseguirà nel Teatro Traetta il 3 maggio e il 4 maggio (con il concerto “Sulle note del XX secolo”) per poi riprendere il 9 e 10 maggio alla Galleria Nazionale della Puglia “G. e R. Devanna”. Per ulteriori informazioni, consultare il programma e registrarsi, visitare il sito web www.centroricerchebitonto.com/convegno900/index.html. Il convegno è patrocinato da Regione Puglia, Città Metropolitana di Bari, Comune di Bitonto, Fondazione Banco di Napoli, Direzione Regionale Musei Puglia, Galleria Nazionale della Puglia “G. e R. Devanna”, Università degli Studi di Bari, Politecnico di Bari, Ordine dei Giornalisti di Puglia, Ordine degli Architetti, Conservatorio di Musica “Niccolò Piccinni” – Bari, Società di Storia Patria per la Puglia, Istituto Pugliese per la storia dell’Antifascismo e dell’Italia Contemporanea, Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano – Comitato Provinciale di Bari.

Leggi l'articolo »